COSA FACCIAMO

VISIONI
Una via pratica a disposizione di professionisti e non; un’arte utile ad aprire spazi di libertà creativa e culturale, a ridisegnare spazi fisici, mentali e spirituali, concentrando gli sforzi su tre linee di intervento, che si intersecano e nutrono a vicenda: ricerca, formazione, produzione.
– La ricerca intesa come la facoltà di continuare a crescere professionalmente
– La formazione si realizza attraverso i percorsi della L.U.P.A.: format inclusivi che permettono a qualsiasi amatore e dilettante di praticare un lavoro creativo, rispettando i suoi limiti e possibilità
– La produzione degli spettacoli nell’era digitale crea prodotti artigianali che rinnovano la funzione dell’arte dell’attore, applicandola in maniera scientifica (come frutto di esperimenti di laboratorio), pratica (attraverso i corpi e le azioni degli attori) e funzionale all’espressività (anche attraverso una costruzione semplice della messa in scena).

L’unicità del LabPerm è data dalla formazione e dall’esperienza pluriennale del regista e attore Domenico Castaldo, che dopo essersi diplomato alla Scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi, ha lavorato presso il Workcenter di J. Grotowski arrivando così ad elaborare una propria visione del teatro, che è stata riconosciuta e definita “Musicalità Incarnata” dal professor M. Frendo nella sua tesi di dottorato alla University of Sussex nel 2013 (http://sro.sussex.ac.uk/id/eprint/47177/).